Documentazione dell'Esperienza

Liceo.JPG
Il Liceo "Tito Livio" di Martina Franca

Finalità

La finalità perseguita è quella di avviare la strutturazione di specifiche competenze in campo matematico, abituando a condurre un processo di matematizzazione che venga agevolato dagli aspetti sociali dello strumento digitale.
Impadronirsi del processo di matematizzazione è fondamentale per coltivare la capacità di un individuo di:
  • cogliere e comprendere il ruolo che la matematica gioca nel mondo reale,
  • operare valutazioni fondate
  • utilizzare la matematica e confrontarsi con essa in modo da rispondere alle esigenze della vita di quell’individuo in quanto cittadino impegnato, che riflette e che esercita un ruolo costruttivo.
L'avvio e la strutturazione di tali competenze è un processo lungo e laborioso che si avvale del lavoro quotidiano delle insegnanti e degli studenti e dei prodotti che tale lavoro sviluppa nel tempo.
La raccolta di tali lavori con le metodologie e gli strumenti descritti mira a creare nel tempo una specie di repository di problemi di vario tipo.

Tempi e fasi

Il percorso si articola in quattro fasi:
  1. Partire da un problema proposto in classe;
  2. Strutturare il problema in base a concetti matematici;
  3. Risolvere progressivamente il problema attraverso processi come fare supposizioni sulle caratteristiche essenziali del problema e generalizzare;
  4. Formalizzare le proposte risolutive ed i relativi contenuti teorici all'interno del wiki.

Concatenazione logica delle fasi

È in particolare sulla terza fase che la gestione del wiki mira ad agire. Infatti l’aspetto sociale del wiki spinge gli allievi a fare previsioni e supposizioni sulle interpretazioni reciproche, ad ipotizzare modelli di svolgimento (generalizzare) su cui discutere in modo da pervenire ad una soluzione condivisa. Quando un simile percorso viene condotto normalmente in classe, l'insegnante riscontra la partecipazione di pochi che, in genere, sono sempre gli stessi. Al contrario un ambiente virtuale stimola la partecipazione anche dei timidi e degli introversi che si sentono più sicuri perché protetti dall’apparente anonimato fornito dalla mancanza di visibilità che, al contrario, caratterizza un intervento in presenza. Inoltre tutti vengono incentivati ad apprendere perché sollecitati dal dover “costruire” in prima persona il loro ambiente (learning by doing) mettendo in campo le loro conoscenze e capacità, ma anche i loro gusti e inclinazioni.

Contenuti

Partendo dalle dimensioni ristrette richieste dai soli problemi di I grado e,continuando nell’attività, si cerca di arricchire il wiki con problemi di II grado, di geometria euclidea di geometria analitica, trigonometria (link), analisi e quant’altro gli argomenti affrontati nel corso di studi possono proporre. A queste pagine iniziali oggi si aggiungono pagine di contenuto per un utile riferimento teorico alle nozioni matematiche utilizzate nelle soluzioni dei problemi stessi.

Bibliografia


1. Baldassarre M. , Averna A.L., (2009), “Wiki e Matematica: costruzione di competenze”, Dulp‘09 (Ubiquitous Learning in Liquid Learning Places), Roma 2009, ISSN 1826-9745 ISBN 978-88-88044-15-6

2. Spagnolo F., Insegnare le Matematiche nella Scuola Secondaria, in Progettare la scuola, La Nuova Italia, 2000